Youtube: modalità Picture-in-Picture sarà disponibile per tutti gli utenti iOS

Dopo quasi un anno di attesa, YouTube offrirà finalmente la modalità Picture-in-Picture per tutti gli utenti iOS . In altre parole, non sarà una funzionalità esclusiva per gli abbonati a YouTube Premium a pagamento. Ora, secondo una dichiarazione recuperata da MacRumors al momento solo gli utenti negli Stati Uniti potranno usufruire di questa novità. Non ci sono informazioni su quando sarà disponibile per il resto del mondo.

“Picture-in-Picture (PiP) consente agli utenti di guardare i video di YouTube tramite un piccolo mini player mentre navigano contemporaneamente al di fuori dell’applicazione YouTube sul proprio dispositivo mobile. Stiamo iniziando a implementare PiP per i membri di YouTube Premium su iOS, e abbiamo anche in programma di rilasciare PiP per tutti gli utenti iOS degli Stati Uniti “, un rappresentante della piattaforma menzionata al mezzo di cui sopra.

Sebbene la conferma arrivi oggi, la verità è che YouTube aveva già dato indizi sul movimento. Senza preavviso, l’app ha consentito l’utilizzo di Picture-in-Picture su iOS 14.5. Tuttavia, apparentemente si trattava di una prova limitata per alcuni utenti, poiché non tutti noi abbiamo avuto l’opportunità di trarne vantaggio. Quindi, un lungo periodo di attesa e mistero finirà attorno a questa funzione, dal momento che YouTube non ha chiarito se PiP sarebbe stato disponibile solo per gli utenti della sua iscrizione a pagamento.

Picture-in-Picture ha debuttato come una delle principali novità di iOS 14 . Gli utenti di Netflix e Twitch ne hanno approfittato rapidamente mentre svolgevano altre attività sul proprio iPhone. E YouTube? Sfortunatamente, lo ha disattivato non appena ne hanno avuto l’opportunità, il che ha scatenato un’ondata di critiche nei confronti della piattaforma. Considerando il lato commerciale di YouTube, era comprensibile che volessero offrire alcune funzionalità esclusive tramite YouTube Premium.

D’altra parte, avere Picture-in-Picture su YouTube permette di ascoltare la musica in sottofondo, che in qualche modo interferisce con la loro attività di streaming musicale. Per quanto riguarda Apple, è chiaro che l’azienda non era contenta che l’applicazione disabilitasse una funzionalità chiave del sistema. Del resto, per loro non era corretto segmentare l’esperienza di riproduzione video, tanto meno con una funzione che dovrebbe essere a disposizione di tutti .

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai facoltà di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Maggiori info nella nostra privacy policy