Xiaomi 12 Pro al prezzo di circa 1.000 euro: perchè sono aumentati i prezzi?

Xiaomi continua ad offrire ottimi terminali entry-level e di fascia media ad un buon prezzo, onorando quel già classico aggettivo”il miglior rapporto qualità prezzo”. Tuttavia, sembra che abbiano perso quell’aria nella loro gamma più alta, cosa che possiamo vedere dopo il recente lancio dello Xiaomi 12 e Xiaomi 12 Pro.

Per questo motivo, riteniamo interessante analizzare l’aumento dei prezzi sperimentato in questi anni dal suo sbarco in Italia. E, logicamente, analizzando solo la fascia più alta, poiché nella fascia bassa e intermedia i prezzi sembrano rimanere democratizzati nonostante si siano registrati anche rialzi.iaomi Mi Store presso CC La Vaguada (Madrid), uno dei primi negozi Xiaomi in Spagna

Quel 2017 quella che era una tendenza nella telefonia mobile erano i dispositivi con schermi più grandi, velocizzando il fronte e riducendo i frame. Allo stesso modo, il primo lettori di impronte digitali sotto lo schermomentre ogni volta c’è più e migliori fotocamere sul retro dei dispositivi.

In questo contesto, lo Xiaomi Mi Mix 2 è stato il primo high-end del brand a raggiungere ufficialmente i nostri confini. Lo fece nel mese di ottobre di quel 2017, nonostante fosse stato presentato mesi prima in Cina. Qualcomm Snapdragon 865, 6 GB di RAM, Android 7.1 e a metà del prezzo di alcuni cellulari della concorrenza che fa da preludio a un interessante elenco di smartphone che inizieranno ad arrivare a partire dal 2018.

 

Grafico dei prezzi Xiaomi dal 2017 al 2022 (nella sua fascia alta)

Prima di tutto, per dire che i prezzi indicati sono come questi dispositivi sono usciti in Spagna nelle loro capacità di archiviazione di base. Fattori come il loro svalutazione nel corso dei mesi o inflazione. Proprio questo punto va sempre tenuto in considerazione, anche se in questo caso non c’è molta differenza in quanto si tratta di un periodo di soli 5 anni nei casi più lontani. Pertanto, li giudichiamo a livello tecnico.Evoluzione dei prezzi di fascia alta Xiaomi

I motivi per cui Xiaomi ha alzato il prezzo sono ufficialmente sconosciuti. Il brand non ha mai esposto le ragioni in ogni caso, ma l’intuizione (e il buon senso) ci fanno pensare che tutto sia dovuto ad un maggior margine di profitto, che deve essere stato molto scarsa nei suoi primi anni e se a ciò aggiungiamo l’inflazione, comprendiamo che si tratta addirittura di un progresso logico e prevedibile. Naturalmente, come strategia di vendita ha funzionato come un incantesimo per loro e il messaggio di “rapporto qualità-prezzo” si è diffuso tra gli utenti.

In soli 4 anni Xiaomi ha aumentato di 700 euro il prezzo del suo top di gamma.

Tuttavia, esaminando il grafico, non c’è nemmeno coerenza. È chiaro che il suo base anni fa era di 499 euro, a cui ha aggiunto 100 euro in più con aggiunte tipiche delle versioni ‘Pro’ o con l’arrivo di tecnologie come il 5G. Era già nel 2021 quando la tendenza al rialzo si faceva evidente, con uno Xiaomi Mi 10 e Mi 11 che alzava il prezzo di 250 e 300 euro rispetto al prezzo di partenza del ‘Mi 9’.

Lo Xiaomi Mi 11 Ultra da parte sua si è distinto per essere il il più costoso del marchio fino ad oggi (di quelli venduti in Spagna). Non sappiamo quanto costerebbero o costeranno i foldable di Xiaomi quando arriveranno nel nostro Paese, ma il già citato ‘Mi 11 Ultra’ ha raggiunto una cifra record che rappresenta un aumento di 700 euro in soli 4 annilasciando molto indietro i 499 euro con cui è stato rilasciato “Mi Mix 2”.

Ora vediamo che i recenti Xiaomi 12 e Xiaomi 12 Pro continuano ad offrire un prezzo più alto rispetto a quello che era “normale” nei primi anni del marchio in Spagna, ma che sembrano notevolmente più economici rispetto allo Xiaomi Mi 11 Ultra. In effetti, entrambi i dispositivi possono essere visti più economico di alcuni concorrenti questo 2022 come Samsung Galaxy S22 e S22+ (859 e 1.059 euro). Scartiamo “S22 Ultra” da questa equazione per confermare se Xiaomi finalmente lancia la propria versione “Ultra” di Xiaomi 12.

Xiaomi trionfa nella fascia bassa e intermedia

Il CEO di Xiaomi ha affermato recentemente che “l’alta gamma è l’unico percorso di crescita” per l’azienda. Ecco perché insistono nell’offrire  sottomarchi e marchi apparentemente indipendenti come Redmi, POCO o Blackshark.

Tuttavia, la realtà è ben diversa quando si tratta di analizzare la loro quota di mercato in paesi come il nostro. In effetti, sono i telefoni di fascia bassa che di solito hanno un maggiore impatto sul pubblico essendo quelli che elevano l’azienda a essere il regina del mercato grazie alla somma delle quote di tutti i dispositivi.

I limiti di gamma di Xiaomi non rappresentano una grande quota di mercato, con l’entry-level e il mid-range che sono quelli di maggior successo tra il pubblico

Un esempio si trova nei telefoni più venduti nell’ultimo trimestre del 2021, dove secondo Dati Canalis Xiaomi Redmi Note 10S, Xiaomi Redmi 9A e Xiaomi Redmi Note 10 Pro sono stati i più venduti nel nostro paese, superati solo dal OPPO A53S.

Xiaomi Redmi Note 10S, uno dei best seller e fascia media di Xiaomi

In ogni caso, va osservato che, a prescindere dal prezzo, sia Xiaomi che altri brand hanno Apple come un duro rivale nella gamma alta. Ed è che i telefoni piacciono iPhone 12 e iPhone 13 tendono a monopolizzare le principali classifiche di vendita quando si parla della fascia più alta in cui competono telefoni come quelli di Xiaomi visti in questo post.

Nonostante le dichiarazioni dei suoi portavoce, l’apparenza che dà il brand cinese è quella di privilegiare un prezzo elevato, con il quale possono rendere valido quell’argomento di marketing di “meglio vendere poco e a caro prezzo” che “vendere molto e a basso prezzo”. prezzo”, visto che per questo secondo hanno già il resto dei terminali; che non sono pochi, tra l’altro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.