Cosa non funziona se si attiva modalità risparmio energetico su iPhone

A seconda di come lo utilizziamo, lo Smartphone si porterà sempre ad avere un particolare consumo della propria batteria. Per questo, buona parte delle volte bisogna fare i conti con una batteria quasi scarica e l’impossibilità di ricaricare il proprio cellulare: molti Brand hanno trovato una soluzione propria utilizzando una modalità a risparmio energetico, chi addirittura portandosi fino al punto di disattivare i colori per risparmiare quanta più batteria possibile. Ma per quel che riguarda l’iPhone di Apple?

Ripristinare iPhone

Sia detto chiaro e tondo: l’Apple è sempre stata particolare nella programmazione di iOS. Perciò, è chiaro che la sua funzione di risparmio energetico non può essere da meno. Analizziamo insieme cosa succede quando viene attivata questa funzione, e quali parti del nostro Smartphone vengono coinvolti.

  • Il 5G viene disattivato

Una delle ultime novità nel settore della telefonia è il 5G, il quale ormai viene in tantissime nuove versioni. A partire dell’iPhone 12, l’Apple ha incluso questa tecnologia nei propri Smartphone. Va detto naturalmente che in base alla generazione dell’iPhone, alcuni aspetti aggiuntivi possono essere disattivati (come la connessione ai ripetitori 5G Standalone) ma la connessione principale rimarrà attiva in Background. Il 5G verrà utilizzato solamente se sarà necessario scaricare grossi file o se è necessaria la visualizzazione di filmati in alta risoluzione.

  • Lo schermo viene adattato per consumare meno energia

Ovviamente anche il Display deve fare la sua parte. La luminosità viene ridotta, così come la frequenza video viene portata a livelli più modesti (se possibile).  Specialmente utile negli iPhone 13 Pro e Pro Max e nei modelli successivi che avranno accesso ovviamente ad un Display con una frequenza superiore a 60hz. Nella modalità a risparmio energetico, il cellulare fluttua fra i 60 e i 30Hz quando necessario. Inoltre, la disattivazione dello schermo viene impostata perennemente sui 30 secondi.

  • Viene disattivato l’aggiornamento delle Apps in Background

Una funzione piuttosto famosa di iOS è l’aggiornamento delle Apps in background, che permette di tenere i programmi in funzione quando necessario. Questo significa che i programmi di gestione Mail resteranno attivi, Apps che scaricano contenuti faranno lo stesso, e così via. Usando la modalità a risparmio energetico, questa funzione verrà disattivata completamente, e le Apps funzioneranno perciò quando l’utente le terrà aperte.

In quest’operazione vengono incluse anche delle informazioni come la registrazione dei dati di navigazione oppure tutte le informazioni sulla posizione GPS.

  • Vengono disattivati i download automatici

Download automatici come aggiornamenti (Apps e iOS) vengono sospesi finché l’iPhone non viene riportato alla normalità. Questo include anche alcune sincronizzazioni fatte attraverso iCloud, sospendendo così un po’ di tutto quello che riguarda questo settore.

  • Alcuni effetti grafici vengono disattivati

Avete presente quando muovete l’iPhone e la pagina Home sembra muoversi con voi? Questa è una funzione extra inclusa in iOS che può essere disattivata attraverso il risparmio energetico. Questo include naturalmente anche le immagini di sfondo animate, Live Photos,  ed altri contenuti animati che fanno parte del sistema operativo. Le Apps d’altro canto rimarranno in funzione sempre con le stesse animazioni, anche buona parte di quelle già incluse in iOS.

  • L’App Mail controllerà la posta solo manualmente

In aggiunta a tutte le Apps senza aggiornamento in background, l’App per la posta elettronica già inclusa in iOS (Mail) non controllerà automaticamente la posta. Per fare ciò basta entrare nell’App e confermare manualmente il controllo della posta nei servizi indicati.

  • Le prestazioni vengono ridotte

Naturalmente uno degli aspetti più ovvi di questa funzione è la riduzione delle prestazioni della CPU e della GPU. L’Intero Chipset dell’iPhone viene ridotto quasi (se non del tutto) della metà, rallentando così l’elaborazione di alcune funzioni, ma restando comunque abbastanza efficiente per non provocare disagi all’utente. In questo viene anche incluso il blocco della riproduzione automatica di alcuni contenuti come i Video presenti in varie Apps già incluse in iOS, come l’App Store.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.