Da dove nasce il Selfie? Ce lo spiegano gli psicologi

Con la diffusione degli smartphone e lo sviluppo dei social network sulla rete uno dei fenomeni sociali che sta andando per la maggiore è quello che viene chiamato Selfie, l’autoscatto che ormai troviamo in qualsiasi parte di internet. Ma da cosa nasce il Selfie? Questo ha provato a spiegarlo Giuseppe Riva, docente di psicologia della comunicazione e psicologia e nuove tecnologie della comunicazione presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, grazie ad una interessante ricerca effettuata proprio su come e perchè nasce questa spasmodica voglia di auto-fotografarsi.

Selfie-Mania

Guardando i dati scopriamo subito che il Selfie è una mania tutta femminile, è infatti l’universo rosa ad abbondare di questa pratica e ad utilizzarla in modo frequente ed è curioso notare le cause con per cui viene fatta: il 39% per far ridere gli altri, il 30% per vanità e il 21% per raccontare un momento della propria vita. La ricerca ha visto partecipare centocinquanta partecipanti (35% maschi, 65% femmine), con età media 32 anni, hi quali sono stati sottoposti ad una serie di questionari: sui dati anagrafici, sul loro utilizzo di social media, sull’attività del selfie e sulle motivazioni associate ad esso, non che l questionario Big Five Inventory per la misurazione dei tratti di personalità.

I risultati hanno mostrato che le persone che fanno Selfie, rispetto a coloro che non se li fanno, appaiono significativamente più estroverse, fattore che si associa a un maggior utilizzo dei selfie per mostrare agli altri “come ci si sente”, tali persone sono anche molto più coscienziose, in quanto non sono particolarmente interessate ai commenti degli, positivi o negativi che siano. Questa mania dei Selfie, spiegano gli psicologi, è dovuta in parte alla diffusione della tecnologia, lo smartphone ormai è posseduto dalla quasi totalità della popolazione giovane, ma anche dal fatto che il social diventa l’equivalente virtuale dei luoghi di aggregazione del passato, ognuno può infatti disporre di questo ‘luogo virtuale’ a casa propria o da qualsiasi parte si trovi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *