Uscita Motorola Moto G LTE (2014): UFFICIALE in Brasile!

Motorola Moto G LTE (2014) UFFICIALE in Brasile! La versione dotata di 4G dello smartphone di fascia media della casa alata, arriva nel mercato Brasiliano. Andiamo a vedere che novità introdue rispetto alla versione 3G che già conosciamo molto bene.

motoLEGGI ANCHE: Video Unboxing Motorola Moto G 2014 Dual Sim

Abbiamo visto come nel corso del 2014, Motorola abbia presentato interessanti prodotti, a partire dal Nexus 6 prodotto per Google, il Motorola Moto X (2014), il Moto E, il Moto 360 smartwatch, e infine ma non per ultimo il Moto G, smartphone di fascia media prodotto da Motorola, che da qualche anno è diventato ormai la migliore scelta per chi vuole uno smartphone fluido e performante e non vuole spendere tanto. Già con la versione 2013 del Moto G, abbiamo visto il successo ottenuto dalla versione LTE presentata in seguito.

Ecco che ora, Motorola (gestita ormai da Lenovo), si appresta a lanciare sul mercato una versione “potenziata” del Moto G 2014. Infatti, questa variante non solo introduce la connettività LTE ma porta con sè alcune migliorie hardware, come per esempio l’aumento della durata della batteria. La batteria che troviamo a bordo di questa variante del Moto G è infatti di 2390 mAh al contrario dei 2070 del Moto G normale. Però questo aumento della batteria ha portato l’aumento dello spessore, che ora è di 11mm. Essendo aumentato lo spessore, anche il peso è aumentato, salendo così a 155 grammi contro i 149 della versione 3G. Inoltre, questa variante LTE è disponibile solo Dual Sim e non Mono Sim. La capacità della memoria rimane sempre di 16GB.

Dopo le buone notizie, abbiamo anche le “cattive”. Al momento sembrerebbe che questa variante del Moto G sia disponibile solo in Brasile. Supponiamo che molto presto raggiungerà gli altri mercati internazionali, e molto probabilmente lo vedremo anche in Europa. Per quanto riguarda il prezzo, dovrebbe aggirarsi attorno i 299 euro secondo il cambio attuale.

Continuate a seguirci per aggiornamenti sulla vicenda.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *