Prima beta HarmonyOS disponibile, il sistema di Huawei è pronto: ecco gli smartphone che lo supportano

La casa produttrice Huawei pur di restare al centro dell’attenzione e attirare nuovi clienti sta tentando ogni mossa a sua disposizione. Il brand cinese, infatti, stando a quanto emerso nelle passate settimane lascerà ufficialmente il sistema operativo Android per puntare tutto su una piattaforma propria che prende il nome di HarmonyOS. Andiamo ad analizzare le ultime notizie a riguardo.

Prima beta HarmonyOS

Huawei e il nuovo sistema operativo: perché questa decisione?

In tanti si stanno domandando cosa abbia spinto Huawei a puntare su un sistema proprietario. Tale mossa è stata senz’altro influenzata da numerosi fattori, fra i principali spiccano:

  • Tensione continua con Cina e America;
  • Tentativo di liberarsi una volta per tutte della piattaforma Android di Google.

Natale è sempre più vicino cosi come la fine dell’anno e, stando a come anticipato in precedenza nel corso dell’evento Huawei Developer Conference 2020, con questo mese è iniziato anche il rilascio della betta di HarmonyOS.

La stessa Huawei consente di far provare il sistema, evidenziando che qualora non piaccia e convinca si può tranquillamente tornare ad usare l’interfaccia EMUI 11.

Harmony ricorda molto l’interfaccia EMUI 11 e si possono usare senza alcun problema le app Android. Se siete curiosi di sapere come gira la nuova piattaforma di Huawei vi consigliamo vivamente di dare uno sguardo al filmato presente al seguente indirizzo.

Quali sono gli smartphone che supporteranno la beta di HarmonyOS?

I dispositivi che possono permettersi di provare la beta del nuovo sistema operativo di Huawei sono gli ultimi usciti, ovvero:

  • Huawei P40 Pro;
  • P40;
  • Mate 30 Pro;
  • Mate 30;
  • MatePad Pro, il solo tablet che può supportare il nuovo sistema di Huawei.

Concorso Huawei

Infine, la casa produttrice Huawei per non farsi mancare proprio niente ha anche avviato un concorso per developer a premi per un complessivo di 200.000 euro. Lo scopo principale è quello di incentivare nuove applicazioni Harmony.

Cosa ne pensate di questa mossa di casa Huawei? Riuscirà a convincere gli utenti con il suo nuovo sistema? Presto ne vedremo delle belle.

Leggete anche: Huawei Mate 30 Pro: finalmente debutta la nuova EMUI 11

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.